Il caviale Beluga

Close-up of a silver spoon filled with black caviar on a caviar and lemon background. rich, delicious, expensive food.generative ai

Il caviale Beluga è considerato il più lussuoso e costoso. Wallis Simpson, moglie di Edoardo VIII, era nota per il suo consumo di caviale Beluga, simbolo della sua ricchezza e status elevato. Le cene a Villa Windsor a Parigi, a Château de la Croe a Cap D’Antibes, o a Moulin de la Tuilerie Gif-sur-Yvette erano famose per l’abbondanza di caviale Beluga servito.

Il caviale Beluga era una costante nelle residenze dei Windsor, gustato da ospiti illustri come Winston Churchill e Marlene Dietrich. Questo caviale era considerato una rarità e un segno di estrema ricchezza, con la Russia come uno dei principali fornitori di questo prodotto pregiato.

Riconoscimento del Caviale Beluga:

Per riconoscere il caviale Beluga, si possono utilizzare diversi metodi. Se la confezione è ancora chiusa, è sufficiente leggere l’etichetta. Tradizionalmente, il caviale Beluga è associato al colore blu o azzurro sulle etichette o sulle confezioni. Le uova di Beluga hanno una dimensione che varia dai 3 ai 3,5 mm e devono avere un colore omogeneo.

Caratteristiche Sensoriali del Caviale Beluga:

Colore: Varia dal grigio scuro al grigio chiaro e al dorato. Il colore dorato (000) è tipico degli esemplari molto maturi.
Aspetto: Le uova variano dai 3 ai 3,5 mm, con un colore omogeneo e una buona oleosità.
Odore: Deve avere un odore di mare, burro, noce e nocciola, non persistente.
Texture: Le uova devono essere delicate in bocca, con una giusta consistenza e morbidezza.
Sapore: Deve avere un gusto fresco di pesce, con note di mare, burro, noce e nocciola.

Abbinamenti per il Caviale Beluga:

Tradizionalmente abbinato con vodka ghiacciata. Abbinamenti con vini come Muscadet-Coteaux-de-la-Loire, Vermentino di Gallura Docg, Cassis Aoc Provence o Muscadel bianco di Capo Verde. Prosecco di Valdobbiadene come un abbinamento neo-classico. Per il cibo, si consiglia di gustare il caviale su una fetta sottile di patata bollita, su bliny imburro, uovo alla coque o su pane tostato con un filo di olio di nocciola o di noce.

Articoli correlati